Tag Archives: html5

Ciao Space Invaders

22 Mag

Per come è attualmente strutturato il nostro sistema di sviluppo e rilascio del software, ci troviamo spesso a dover aggiornare le diverse installazioni dei clienti che abbiamo in hosting sui nostri server. Gli aggiornamenti vanno dalla risoluzione di bug all’introduzione di nuove funzionalità e sono più o meno settimanali. Per evitare possibili problemi di accesso e aiutare gli utenti a capire cosa succede, abbiamo creato una pagina di ‘manutenzione‘ che viene mostrata al posto del sito fino al termine dell’aggiornamento (che dura dai pochi secondi al paio di minuti).

Già che c’eravamo (e per sperimentare l’uso dei canvas) abbiamo pensato di aggiungere la possibilità, cliccando su un link, di aprire un giochino in HTML5 (Space Invaders). L’abbiamo fatto considerando che la pagina sarebbe stata vista da pochi sfortunati, ai quali sarebbe stato carino offrire una possibile distrazione.

Un paio di settimane fa abbiamo dovuto rimuovere il gioco. Volevo scusarmi con tutti gli affezionati che nel frattempo hanno cercato di difendere la terra infrangendo punteggi record.

Non ci dimenticheremo di voi ragazzi.

maintenance mode

Clicca sull’immagine per fare una partita

Annunci

Promesse da marinaio e ritorno al porto.

25 Gen

Ah ah! Che ridere! Va bene non scrivere niente per 2 mesi, ma rileggere “scriverò più spesso” nell’ultimo post sul blog è francamente troppo. Niente post frequenti, niente aggiornamento di fine anno e buoni propositi per l’anno venturo. E il tempo passa. Sob!

Che dire, avrei voluto uscirmene con qualcosa sul bel corso a cui ho partecipato per l’AIB, magari con tanto di documenti, approfondimenti, impressioni. Ma le cose sono precipitate e non ho ancora sistemato gli appunti.

Nel 2011, a partire da giugno circa, a Comperio abbiamo iniziato a lavorare per l’ingresso di nuovi sistemi bibliotecari:

Durante l’estate è arrivato il certificato di conformità all’Indice SBN di livello 4, quindi abbiamo iniziato a lavorare per integrare ClavisNG al nostro applicativo per il dialogo con l’Indice.
Durante lo stesso periodo è  arrivato Nicolò, un nuovo programmatore che si è messo al lavoro su DiscoveryNG3.
In autunno abbiamo anche cercato di migliorare la nostra organizzazione, adottando ActiveCollab, un software per il project management.

Non posso negare che intorno a dicembre qualcosa dentro di me ha iniziato a scricchiolare. Vista la situazione ho deciso di accantonare qualsiasi attività LIS-related-extra-lavorativa (es. questo blog, letture edificanti, ecc.) per dedicarmi a superare entro la fine dell’anno la quota di pagine lette nel 2010 (5540 secondo Anobii).

Non ce l’ho fatta per 275 pagine ma, in piena trance agonistica, entro il mese di gennaio raggiungerò già 1/5 del mio record personale annuo 😉

Imparo imparo imparo

L’ultima cosa che volevo dire (per chi non legge twitter) è che dovete imparare almeno un linguaggio di programmazione per sopravvivere.

No, non sto scherzando.

Certo, potete sempre sperare in lui o in lui, ma se volete uscire dal matrix, meglio dedicare un paio d’ore la settimana al dialogo costruttivo con il vostro computer.

Quest’anno lo potete fare seguendo Code Year, un programma gratuito online promosso da Codacademy. Ogni settimana riceverete via mail il link ad un corso online di javascript, tutto è organizzato tramite semplici esercizi alla portata di tutti e più si avanza più badge si vincono. Al momento vi sto battendo tutti, già lo so. Se così non fosse, rendete il vostro profilo pubblico e ditemi che sto sbagliando.

Non vi piace javascript? Volete provare Ruby on Rails perchè vi sentite dei fini esteti? Ok, su codeschool.com c’è un corso gratis introduttivo. Anche questo molto divertente.

Nemmeno Ruby on rails? Non vi va di eseguire del codice? Volete solo capire perchè non conviene più usare l’attributo “bgcolor” che tanto usavate nelle pagine HTML che scrivevate con notePad negli anni ’90? Dive into HTML 5 è il libro che fa per voi.

Ah, beh, infine, anche se non ho trovato molto (giusto qualcosa su Python), segnalo anche Khan Academy.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: